C’è bisogno di idraulici, elettricisti, falegnami…

… e di Insegnanti di Tecnica Alexander!

Intorno a me vedo tante persone che si trascinano con i loro acciacchi quotidiani senza rendersi conto di essere i registi del loro dramma quotidiano. Mal di schiena, dolori cervicali, mal di testa e quant’altro, sono spesso problemi causati da un uso scorretto del proprio corpo. Quando uno se ne rende conto cerca di fare qualcosa, ma il più delle volte lo fa continuando a usare male il suo corpo. Approfondendo la ricerca, spesso su internet, viene a conoscenza della Tecnica Alexander. Fantastico! E poi scopre che nella sua zona non ci sono operatori specializzati in questo metodo. I più intraprendenti mi scrivono per sapere se c’è qualche insegnante che frequenta le loro zone, magari tenendo dei corsi. Alcuni hanno partecipato a questo genere di incontri e chiedono come fare per approfondire. Mi dispiace, sono costretto a rispondere, ma in Italia siamo ancora pochi, e tante zone sono scoperte. Ma non sarà sempre così. Quando iniziai a prendere lezioni di Tecnica Alexander 30 anni fa potevo scegliere tra due insegnanti, un americano a Roma e una signora inglese in Toscana. Ora in Italia ci sono una cinquantina di insegnanti qualificati. Sono pochi? Sì. Ne occorrono di più! Occorrono persone esperte nell’uso del corpo, persone che abbiano studiato e compreso i principi dell’uso corretto del corpo e li sappiano integrare nella loro vita personale e professionale. Le porte della formazione sono aperte a tutti: fisioterapisti, istruttori di yoga, operatori olistici, insegnanti di canto, musica, teatro, persone in cerca di una vocazione, e soprattutto a coloro che hanno beneficiato in prima persona della Tecnica Alexander e desiderano far crescere questo tesoro dentro di sé e tutto intorno.

ALEXANDER TECHNIQUE ACADEMY
Formazione professionale triennale

Per informazioni clicca qui